giovedì 24 dicembre 2009

A Babbo Natale ho chiesto...

... di esistere e di venirmi a trovare!
Tanti Auguri!!!

lunedì 21 dicembre 2009

E' iniziata

... la corsa a tappe culinaria che mi porterà nel nuovo decennio.
Oggi prima tappa con un classico passaggio partenopeo:
salsicce e friarielli
C'è poco da aggiungere. Dopo 20km di corsa lenta erano Pura Goduria.

domenica 13 dicembre 2009

...meta!

...certo, poi, alla meta bisogna arrivare!
Ed io, alla fine, ci sono arrivato! 10km in 37'53".
Eppure questa mattina le cose non si erano messe bene a Fiumicino: c'era il freddo (era atteso), un po' di vento (sul mare non manca mai) e pure la pioggia! Questa no! Non ce l'aspettavamo.
Dall'alto qualcuno sembrava dirmi: vuoi il PB? Devi proprio tirar fuori le palle!
Oggi, però, la forza era con me ed ho corso una gara regolarissima: ho impostato la velocità sui 3'47"/km e l'ho mantenuta dall'inizio alla fine senza enorme fatica, tanto che ora ho quasi il rammarico di non aver osato di più quando, intorno al quinto km, avrei probabilmente potuto accelerare un pochino per seguire qualche podista che mi superava.
Beh, mi sono davvero divertito e non posso fare a meno di urlare:
GRAZIE CALIFFO!!
Sei stato Grande! Mi hai raccolto che vagavo sperduto per le vie dell'allenamento katzen e mi hai indicato la via.
Io spero che questo PB sia solo un punto di partenza, sarebbe bello partire da quì per altre nuove avventure...

giovedì 10 dicembre 2009

Finisce il viaggio ed arriva la meta

Sao Califfao era stato chiaro: l'ultimo lavoro assolutamente mercoledì prima della gara.
Beh, non potevo mancare. Ieri ho dovuto vestire i panni da GufoRunner, iniziare l'allenamento alle 21:30, trovare un percorso sufficientemente illuminato e non troppo ondulato, affrontare un bel venticello freddo, ma alla fine è andata.
Così ho sostanzialmente concluso il ciclo califfico di preparazione ai 10km di domenica prossima a Fiumicino. Oggi riposo, venerdì 8km tranquilli con qualche allungo e sabato ancora riposo.
Comunque vada sarà un successo. Non perché penso di poter fare una buona gara (anzi, temo sarà dura...), ma perché per me vale questa proporzione:
l'allenamento sta alla gara come il viaggio sta alla meta
E così come apprezzo viaggiare non solo pensando alla meta, così mi sono goduto queste 4 settimane di allenamento non solo pensando alla gara. Ho assaporato ogni km percorso, come sempre mi capita quando corro. Se non fosse così, che senso avrebbe allenarsi?
  • Sabato - riposo
  • Domenica - 12Km CL a 4'45"/km + 5 allunghi
  • Lunedì - riposo
  • Martedì - 10Km CL a 4'50"/km + 5 allunghi + ginnastica e stretching
  • Mercoledì - 20' riscaldamento + 3000m in 11:11 (3'44"/km) + 5' rec. a 5'08"/km + 5x400 (media 3'24"/km) con 1' rec. attivo (6'15"/km)
Carpe Diem.

venerdì 4 dicembre 2009

La quiete prima della tempesta

Quante volte vi sarà capitato di vivere questo modo di dire, di attraversare un momento di quiete transitoria, direi di pace, sperando che possa durare all'infinito, ma sapendo che verrà presto interrotto in modo traumatico da un cataclisma. Ci si può preparare alla tempesta, ma non tutto dipende da noi. La tempesta arriverà, io mi sto preparando... intanto corro.

La penultima settimana califfica è a metà e le sensazioni sono molto buone. Le gambe girano bene e fatico a tenere il motore ai giri prestabiliti. Alla fine vado sempre un po' più veloce di quanto pianificato. Sarà un problema?
  • Lunedì - riposo
  • Martedì - 20' risc. + 12km (2km a 3'41", 8km a 4'16", 2km a 3'45")
  • Mercoledì - CL 14km (4:45) + 1km a 3:50
  • Giovedì - riposo
  • Venerdì - 20' risc. + 4x2000 (media 3'48") recupero 3' a 5'05"/km
PPS sempre e comunque

domenica 29 novembre 2009

Correre all'infinito

Dopo qualche giorno di depurazione informatica, in cui il web ha dovuto fare a meno di me, eccomi di nuovo on-line per un post fugace in attesa che i Blogtrotters ci raccontino come sono andate le cose sulle strade di Firenze ed in giro per l'Italia.
I runners, solo loro, ogni tanto provano una sensazione stupenda, quella di poter correre all'infinito. A me succede quando corro in solitaria, nel verde o con il mare all'orizzonte, ad un ritmo sufficientemente blando da non dover pensare alla corsa, ai km, al ritmo. Oggi è stato così. Correvo, semplicemente correvo e semplicemente stavo bene, in totale equilibrio. Come un bambino. Bello, molto bello.
Podisticamente è stata una settimana intensa e piacevole:
  • Lunedì - Lunghetto di 18 km, media 4'44"/km
  • Martedì - riposo
  • Mercoledì - 4x2000 con rec. 3', media 3'46"/km con recupero a 5'15"/km
  • Giovedì - riposo
  • Venerdì - 6x1000 con rec. 2', media 3'39"/km con recupero a 5'15"/km
  • Sabato - riposo
  • Domenica - Lunghetto di 16 km, media 4'40"/km

domenica 22 novembre 2009

Dentro il G.R.A.

Roma è davvero una città stupenda, un tesoro pieno di sorprese. Ci vivo da più di 25 anni eppure ancora mi capita di scoprirne ogni tanto un piccolo gioiello nascosto: un museo, un monumento, un scorcio di panorama, una strada, un palazzo..... un parco!
Oggi, per correre un cross di 6km del circuito UISP Corri per il verde, ho visitato per la prima volta il parco della cervelletta.
Il posto, complice anche l'atmosfera di una calda ma uggiosa giornata autunnale, con il cielo plumbeo e gli alberi spogli, mi è sembrato incantevole.
Si tratta di una antica riserva di cervi (da cui il nome) appartenuta in passato agli Sforza ed ai Borghese (questa è gente che si trattava bene...).
Si trova abbondantemente all'interno del Grande Raccordo Anulare, quindi dentro Roma, eppure porta idealmente i visitatori lontano dalla città, immergendoli in un paesaggio di campagna quasi incontaminata, in cui spicca solo un grande e vecchio Casale medievale. Una vera oasi verde.
Appagati gli occhi e l'anima con questo bel vedere ho poi anche corso.
Nei cross il tempo è relativo (23:04 per 5,9km circa, secondo i GPS), ma le sensazioni sono state buone, le gambe giravano bene e sono andato in progressione, nonostante il carico della scorsa settimana (giovedì CM 11km a 4:10+1km a 4:00, venerdì CLR 9km+ ginnastica)
Ora si tratta di continuare così, califficamente!

lunedì 16 novembre 2009

Cronaca sportiva

Negli ultimi 4 giorni la mia anima sportiva ha avuto modo di esprimersi.
Guardate un po':
  • Venerdì 13 ore 8:00 (circa) - Allenamento corsa: 30' riscaldamento + 5x600m (media 3'11" a km) con recupero 2'30" da fermo
  • Venerdì 13 ore 20:30 (circa) - Blogcena a Trastevere: 30' riscaldamento con supplì, olive ascolane e fiori di zucca + 3xprimodipasta (media 200g a porzione) + panna cotta in defaticamento
  • Sabato 14 ore 8:00 (circa) - Coaching della piccola Sara: riscaldamento, ginnastica propriocettiva, stretching, esercizi per gambe, braccia, addominali e dorsali
  • Sabato 14 ore 12:00 (circa) - Allenamento in palestra: ginnastica e stretching
  • Sabato 14 ore 15:00 - Spettatore di Italia - Nuova Zelanda di rugby: bella prova dell'Italia contro i mitici All-Blacks, onorevole sconfitta 20-6.
  • Domenica 15 ore 9:00 (circa) - Coaching della piccola Sara: ripetute sul fasciatoio
  • Domenica 15 ore 13:00 (circa) - Allenamento corsa: 15' riscaldamento + 3x2000m (media 3'55" a km) con recupero 1000m allegri (media 4'35" a km)
Post Scriptum (17 novembre):
Ho completato oggi il microblogciclo:
  • Lunedì 16 ore 19:00 - Allenamento nuoto: 1200m tranquilli
  • Martedì 17 ore 8:00 (circa) - Allenamento corsa: 10' riscaldamento + 5km a 4'00" a km + 10' CL + 5x400 con 1'30" di recupero passivo (1'16"-1'14"-1'16"-1'15"-1'15", media 3'08" a km) + 10' defaticamento
  • Martedì 17 0re 10:00 - Completamento della digestione della Blogcena di venerdì!
Evvai!!!

domenica 15 novembre 2009

giovedì 12 novembre 2009

Resistere alla tentazione?

Domenica prossima non so se resistere ad una tentazione: correre l'eco-mezzamaratonata nella pineta di Castelfusano ad Ostia.
Se la corressi tranquillamente come un lungo, intorno ai 4:30 a km, magari in progressione, andrebbe benissimo, ma purtroppo mi conosco... con il pettorale addosso non credo che riuscirei a contenermi abbastanza, se poi ci fosse pure il sole finirei per spremermi come un limone.
Non ho assolutamente 21 km tirati nelle gambe, sto puntando ad averne 10 di fuoco tra un mesetto, eppure so che sarebbe molto divertente, ma forse troppo rischioso. Insomma, che faccio?
Amici, Blogtrotters e non, vi chiedo 2 cose, un consiglio e, più in generale, un'opinione:
  1. Rischio? La corro questa mezzamaratona?
  2. Voi come vi comportate di fronte alle tentazioni? (di ogni natura, si intende...)

giovedì 5 novembre 2009

Attualità

Ormai ve ne sarete accorti, in Italia non si parla d'altro che di Trans e Virus H1N1.
Vi risparmio (almeno per ora) un post sul prima tema. Sul secondo, però, ahimè, non resisto.

Personalmente non mi sarei minimamente preoccupato di questa nuova influenza se non fossi genitore di una bimba di 4 mesi. Sulla mia salute potrei anche sbagliare, ma sulla Sua non posso.
Io (ed ora scrivo con una sola mano...), anche grazie allo sport, non prendo l'influenza da molti anni, non mi sono mai vaccinato e quando mi è capitato di beccarmi un virus l'ho combattuto solo con un po' di pazienza ed, al massimo, con un'aspirina.
Ora, le idee che mi sono fatto sull'influenza suina sono queste:
  • Si tratta di un virus nuovo, che il sistema immunitario dei più giovani non è ancora in grado di affrontare, che provoca sintomi violenti (febbre alta, tosse, mal di gola, nausea, vomito, diarrea), ma non particolarmente più gravi di una classica influenza stagionale.
  • I decessi finora avvenuti sono percentualmente pochi rispetto al numero di persone che hanno contratto il virus e tutti legati anche ad altre patologie del paziente (tranne forse uno, la sfortunata bambina di 11 anni, ai cui genitori vanno le mie più sentite condoglianze)
  • Si trasmette, attraverso le vie aeree, con goccioline di saliva infetta (starnuti, colpi di tosse, etc.). In Italia, in questi giorni, la diffusione è molto rapida. Il virus, da questo punto di vista, sembra molto più aggressivo dei classici virus stagionali.
  • Esiste un vaccino, in corso di faticosa distribuzione da parte del servizio sanitario nazionale, sulla cui sicurezza, in termini di verifica degli effetti collaterali, molti (anche alcuni medici) nutrono seri dubbi.
Insomma, quando la sera guardo la mia Principessa dormire serena nel suo lettino, mi sembra stupenda eppure così indifesa...
Io, al virus je farei un culo così, ma lei è ancora troppo piccolina. Un giorno sarà più forte di me, ma per ora devo difenderla io.

Voi Blogtrotters, che idea vi siete fatti?
Vaccino si o vaccino no?

PS: la foto è del post che vi ho risparmiato...

mercoledì 28 ottobre 2009

Giornata moscia

... occorre tirarlo su (il morale).
Ecco le mie mosse:
  1. posto un'immagine che prova l'esistenza di Dio (vedi sopra)
  2. torno a casa dalle mie Stelle
  3. dopo aver messo a nanna la Principessa, mi sparo una corsetta notturna di CL rigenerante
... e la vita torna a sorridere, sperando che non arrivino telefonate improvvise (cribbio!)

sabato 24 ottobre 2009

Next steps

Non riuscirò probabilmente mai a raggiungere i livelli di pianificazione podistica del mitico Runner Blade, tuttavia, chiusa la stagione di triathlon, proverò nelle prossime settimane ad essere un po' meno katzenrunner ed a razionalizzare gli allenamenti di corsa puntando a due gare target:
  • 8 novembre - Corri per il verde a Roma Villa Pamphilj, 6 km
  • 13 dicembre - Best Woman a Fiumicino, 10 km
In sintesi un paio di settimane abbondanti per risvegliare la velocità e poi 5 settimane per ottimizzare la preparazione per i diecimila, forse passando il 15 novembre per la mezza ecologica di Castelfusano ad Ostia, come lungo svelto di allenamento. Seguirò a modo mio le linee guida di Albanesi. Vediamo un po'...

Oggi ho iniziato con una bella seduta di ripetute brevi
11 x 400m con 1' di recupero da fermo. Sono venute fuori piuttosto veloci, tra 1'15" ed 1'20", media finale 3'15" al km, probabilmente anche perché ero molto riposato e scalpitante.

La foto del post è dedicata ad uno forte forte, che in quanto a determinazione, voglia di mettersi alla prova, capacità di reagire è un esempio da seguire per chiunque. Potrebbe ormai accontentarsi di aver vinto 7 Tour de France e di aver poi corso, quasi per gioco, la maratona di New York in 2:46:43. Recentemente ha annunciato di voler tornare al suo primo amore sportivo, il triathlon, su distanza Ironman...
Grande Lance, Livestrong!

martedì 20 ottobre 2009

Emozioni in libertà

... sono quelle che mi ha regalato l'ultimo triathlon stagionale.
Se solo una settimana fa a S.Marinella era estate, domenica scorsa a Porto S.Stefano era inverno! Eppure, il mare agitato (quasi al punto da far annullare la frazione di nuoto) ed il vento gelido, hanno reso ancor più divertente questa piccola impresa. Alla fine di una gara così ti senti davvero un po' eroe.
Le emozioni si liberano. Amici blogtrotters, provate per crederci!

A proposito di Libertà ed Emozioni, presto volentieri questo mio piccolo spazio a Max per pubblicizzare un'iniziativa che, prima della sua segnalazione, non conoscevo: date un'occhiata a questo sito e fatevi una vostra opinione.
Personalmente non gioco a poker e non mi piace l'emozione del gioco d'azzardo (solo questione di gusti, anch'io ho le mie droghe), ma molto, molto, molto meno mi piace il proibizionismo.
Se qualcuno sceglie liberamente di incontrarsi in un circolo per giocare a carte, è un problema?

mercoledì 14 ottobre 2009

Evoluzione della specie?

Oggi vi suggerisco la lettura di questo articolo.
In sostanza un antropologo australiano, Peter McAllister, ha raccolto in un libro, intitolato Manthropology, i risultati dei suoi studi, che dimostrerebbero come il mito del progresso fisico-atletico della specie umana sia totalmente de sfatare.
Gli uomini e le donne del passato, migliaia di anni fa, sarebbero stati in grado di correre, saltare, lanciare molto di più dei migliori atleti di oggi. Altro che Bolt!
La tesi mi sembra interessante e piuttosto convincente.
Naturalmente questo decadimento fisico sarebbe controbilanciato dall'evoluzione intellettuale dell'homo sapiens sapiens. Cari blogtrotters, eccovi allora tre domandine:
  1. Cambiereste la vostra vita con quella di un aborigeno della preistoria per correre più forte?
  2. Alla luce di queste scoperte, non è forse meglio abbandonare la corsa e darsi agli scacchi?
  3. (Solo per i maschi) Vi sentite i peggiori maschi della storia del pianeta?

domenica 11 ottobre 2009

11 ottobre...

... una domenica d'estate! (sarà l'ultima?)
L'estate per me non è solo una stagione. L'estate è estate per i profumi, per il colore del cielo e del mare, per il calore del sole sulla pelle.
Oggi a Santa Marinella era estate ed io ho trascorso, in compagnia delle mie Stelle, una bella giornata da triatleta.
Come sapete sono sempre un absolute beginner, ma miglioro e, nonostante lo scarso allenamento, sto avvicinando il mio modestissimo obiettivo di arrivare nella prima metà dei concorrenti in gara. Certo, in acqua continuo a somigliare più ad una medusa che ad uno squalo... in bici, però la media oraria piano piano sta aumentando. A piedi mi diverto: sorpassare è sempre una soddisfazione in qualunque sport ed a qualunque livello.
Insomma, il triathlon è una figata ed anche oggi la mia bella dose di endorfine me la sono fatta.

martedì 6 ottobre 2009

Sentenze

...domani ne attendo due.
La prima vi interesserebbe poco, così non ve la racconto e vi chiedo solo di fare il tifo per me (se vi sono simpatico).
La seconda riguarda tutti gli italiani ed è in carico ai giudici della corte costituzionale.
Io continuo a pensare che il presidente del consiglio dovrebbe essere un primus inter pares piuttosto che un primus super pares. Voi che dite?

Comunque la pensiate facciamo il tifo per la giustizia.

PS: ...e la saggezza illuminò i giudici!

lunedì 5 ottobre 2009

Purtroppo è finito...

... questo week end!
Sono, ahimè, passati due giorni rigeneranti in quel di Maremma con le mie Stelle.
In una delle giornate climaticamente più piacevoli dell'anno ho anche avuto modo di corricchiare la mia terza gara del circuito Corri nella Maremma 2009. Se doveste averne la possibilità non perdete l'occasione di partecipare almeno ad una tappa, meritano davvero: ottima organizzazione, bei percorsi (splendidi in alcuni casi), ricchi pacchi gara e ricchi premi.
Gli 11,7 km nel quartiere Barbanella di Grosseto li ho chiusi in 46:26 (3:58 a km).
Ho faticato forse un po' troppo per un crono non eccezionale, nonostante il percorso fosse scorrevolissimo (3 giri da circa 4 km). All'arrivo, però, un'altra bella sorpresa: un 2° posto di categoria che ha fatto aggiungere al bottino del fine settimana una graditissima caciotta toscana oltre ad un meno gradito zainetto giallo (in garage non ce n'entrano più...).
Domani si riparte, ma le pile sono cariche.
PPS

venerdì 2 ottobre 2009

Una settimana da farabutto

.... un po' mi sento meglio: qualche tempo fa avrei scritto una settimana da coglione....

Lunedì - nuoto
Martedì - 10 km in progressione (media 4:30)
Mercoledì - 6x1000 con 2 min. di recupero attivo (3:43-3:43-3:45-3:45-3:44-3:38)
Giovedì - riposo
Venerdì - 6 km di fondo lento (media 4:45) + 1km allegro (3:45)
Sabato - nuoto
Domenica - garetta di corsa 10km

PS: mai arrendersi!

mercoledì 30 settembre 2009

Crotalus atrox

...ovvero crotalo atroce!
Atroce mi sembra l'idea che qualcuno ha avuto di liberarne un esemplare nella Pineta di Castelfusano ad Ostia. Oggi, dopo una faticosa ricerca, gli agenti del Corpo forestale dello Stato sono riusciti a catturarlo.
Il morso di questo serpente a sonagli è velenosissimo, mortale per un uomo. In Italia, poi, è estremamente difficile trovare il siero antiveleno.
La zona in cui è stato catturato, per chi non lo sapesse, è frequentatissima non solo da tanti podisti, ma anche da tante famiglie con bambini, che, soprattutto ora nella bella stagione, possono giocare a contatto con la natura.
Io, da amante della Vita in tutte le sue straordinarie forme, nonchè da frequentatore della stupenda pineta di Ostia, denuncio pubblicamente come criminale su questo mio blog chi:
  1. alleva animali esotici in cattività, sradicandoli dal loro ambiente originario e costringendoli ad una innaturale vita in cattività
  2. abbandona gli animali, di qualunque tipo, condannandoli spesso a morte sicura
  3. mette in pericolo la salute o la vita di altre persone liberando animali pericolosi
  4. innesca incendi dolosi (c'azzecca, c'azzecca!!!)

sabato 26 settembre 2009

The Beatles

Io li ho sempre amati, ma non credevo che la passione per la loro musica potesse essere trasmessa cromosomicamente.
Ho scoperto invece che la magia delle note di Yesterday, Here comes the sun, The long and winding road incanta la mia Principessa almeno quanto incanta me.
Bastano pochi minuti di ascolto ed eccola abbandonarsi inebriata, chiudere gli occhi e navigare serena nel mondo dei sogni. Uno spettacolo emozionante.

Nel ringraziare l'amico Marco (il più grande conoscitore di musica che io conosca) per il suo regalo graditissimo, vi suggerisco l'ascolto del duo di chitarristi acustici A. Braido e G. Cordini interpreti delle più belle canzoni dei Beatles.

Questa settimana solo un paio di uscite di corsa ed un paio di nuoto. Pochi Km, anche se di qualità:
Martedì 15km in progressione (media 4:18)
Ieri 3x2000 con 1000 di recupero + 1000 forti (7:43-4:50-7:40-5:01-7:46-4:50-3:41)

sabato 19 settembre 2009

2012

Ormai lo sanno quasi tutti: fare programmi triennali è rischioso.... il mondo potrebbe finire prima!
A quei pochi a cui questa pulce nell'orecchio non è ancora entrata, provvederà prossimamente 2012, il film colossal catastrofico in uscita il 13 novembre.
Il tema ispiratore è assai di moda e si basa sulle molte profezie, di origine diversa, che indicherebbero nel 2012 l'anno della fine del mondo e/o dell'inizio di una nuova era.
Una di queste fa riferimento al termine del calendario Maya, l'antica civiltà precolombiana che popolò il centroamerica già dal 1800 a.C. e che aveva un'incredibile conoscenza della matematica e dell'astronomia.
I Maya misuravano il tempo in modo completamente ciclico partendo dal 3114 a.C. (nessuno sa perchè proprio da quella data). Noi, invece, siamo abituati a contare gli anni indefinitamente, a partire da un inizio (la nascita di Cristo, la fondazione di Roma, ecc.). L'unità di misura ciclica del tempo più grande, per i Maya, era il Lungo computo, della durata di 5125 anni. Pertanto, nel 2012, si completerebbe un Lungo computo, ma non è detto che questo non significhi l'inizio di un nuovo Lungo computo e, magari, di una nuova era.
Più che sulla fine del mondo, vi invito a riflettere su questa idea completamente ciclica del tempo e degli eventi... affascinante, vero?

In attesa che il tempo giri... faccio girare le gambe.
In mancanza di un coach... faccio da me.
Ieri un classico: 3x2000m con 1000m CL di recupero (7:48-4:51-7:43-4:48-7:45).

domenica 13 settembre 2009

AAA Coach Cercasi

Il primo passo per ripartire l'ho fatto: test dello stato di (s)forma.
Per avere il giusto stimolo agonistico ho corso questa mattina una gara di 10Km nella pineta di Ostia.
Il percorso era piatto e ben misurato, ideale per un test. Anche grazie alla piacevole compagnia di Massimo, ho corso in modo piuttosto regolare i primi 9Km a circa 4:00/km chiudendo poi con un ultimo Km in 3:47. Risultato finale 39:52 senza ammazzarmi. Sono abbastanza soddisfatto, ma ovviamente ora vorrei che venisse il bello.
Yogi e GianCarlo mi hanno tentato con i loro suggerimenti (mezza di Amsterdan e maratona di Firenze), ma per motivi diversi non posso pormeli come veri obiettivi. L'idea che mi frulla per la testa, invece, sarebbe: finalizzare l'allenamento per un picco di forma sui 10Km di corsa verso inizio novembre, con l'unico vincolo di voler gareggiare nel triathlon sprint a S.Marinella l'11 ottobre. Poi indirizzare la preparazione alla madre di tutte le battaglie, RomaOstia 2010. Infine... vabbè, poi si vedrà.
Eccoci allora al terzo punto ed al titolo del post: mi serve un bel programma di allenamento ed un grande coach.
Chiunque voglia candidarsi sappia che:
  1. seguirò i suoi consigli via internet (a meno che non abiti a Pomezia...)
  2. mi definirei uno sportivo estroso e poco metodico, ma d'altronde un coach serve proprio a correggere gli errori ed a valorizzare i talenti, no?
  3. faccio sport per vivere meglio e nella mia vita c'è anche tanto altro
  4. l'unico doping che potrei accettare è il sesso
  5. se lo fa per soldi è meglio che cambi allievo, gli suggerisco un certo Kenenisa Bekele
Fatevi avanti!!!

venerdì 11 settembre 2009

Eccomi!

Qualcuno avrà pensato che questo blog fosse ormai spento, sepolto sotto una montagna di pannolini sporchi... Invece ci sono, ci sono!!!
La mia Nuova Vita è ancora in fase di assestamento e probabilmente lo sarà ancora per anni, ma piano piano sto cercando di ritrovare lo spazio per tutto, anche per i post.
Ricominciamo allora con la corsa.
Nell'ultimo mese l'allenamento è stato very very katzen, ma mi ha comunque permesso di correre un paio di garette in maremma (dove mi ero rifugiato con le mie Stelle), di portare a casa un salamello ed un limoncello e di arrivare in fondo nel triathlon sprint di ostia la scorsa settimana. Ok, ora vorrei riprendere a far girare davvero le gambe.

Nei prossimi giorni proverò ad abbozzare:
  1. un test dello stato di (s)forma
  2. gli obiettivi a breve e medio termine
  3. un programma di allenamento

Voi Blogtrotters che mi suggerite a riguardo?

mercoledì 5 agosto 2009

Un mese da papà

I primi 30 giorni sono volati.
Eppure descriverne la densità di emozioni, sensazioni, esperienze e sentimenti è impossibile.
Qualcuno, saggio, mi diceva: ...ti attende uno Tsunami!
Aveva ragione, anche se oggi io preferisco chiamarla Rivoluzione, solo perchè in me questa parola evoca soprattutto gli aspetti positivi di un cambiamento radicale.
La vita cambia. Quasi nulla è più uguale a prima. Tutti gli equilibri faticosamente raggiunti sono sconvolti. Gli orari, gli impegni, i programmi dipendono tutti da Lei. Scopri di poter avere un rapporto diverso con il sonno e con la cacca.
E poi? Sei felice.
La guardi, l'annusi, la baci e sei felice.
Semplicemente sei felice.

martedì 7 luglio 2009

Sara

E' arrivata.
E' stupenda.
E' Vita.
Ora le emozioni sono troppo forti e voglio solo assaporarle prima che il tempo me le porti via, poi vi racconterò...

sabato 4 luglio 2009

Attendibile!

Per quel che mi riguarda il test è attendibile.
Oggi ho corso un bel 5000 nel Parco degli acquedotti. Scenario suggestivo, percorso scorrevole e ben misurato con gps, fondo sterrato ma compatto, clima caldo umido (per me va bene).
L'ho chiuso in 18:46, esattamente a 3:45 a Km. E bravo Albanesi!
Tra il test e la gara ci ho messo il triathlon sprint al lago di Vico (stupendo tutto: il posto, la gara, la compagnia) ed una settimanella di scarico con un paio di uscite di corsa semplicemente antistress.
Ora si aspetta soltanto... ogni momento potrebbe essere quello buono.

Ah dimenticavo: la foto non c'entra nulla con il post, ma è troppo bella!

venerdì 26 giugno 2009

Test per i 5000 metri

Oggi, contro ogni principio di giusto allenamento in vista del triathlon sprint a cui vorrei partecipare sabato prossimo al lago di Vico, ma totalmente in linea con il Katzenpensiero a cui si ispirano quasi tutti i miei allenamenti, ossia semplicemente perchè mi andava di correre un po' allegro in una fresca serata d'estate, ho provato a fare il seguente test di Albanesi sui 5000 metri:
3000 m + 3' di recup. da fermo + 2000 m + 2' di recup. da fermo + 1000 m + 1' di recup. da fermo + 1000 m.
La media finale al chilometro dovrebbe dare un ritmo gestibile su un 5000 metri.
Il mio risultato è stato:
11.24-7.30-3.37-3.42 per una media finale di 3.45 a Km.
Ecco allora qualche domanda ai blogtrotters più tecnici:
  1. Cosa ne pensate di questo test? Lo ritenete attendibile?
  2. Quale altro test consigliereste per scoprire il ritmo giusto per un 5000 metri?
  3. Dato il ritmo sul 5000 come calcolereste il ritmo ipotetico sulla distanza doppia di 10000 metri?

Ah, dimenticavo: la vignetta non c'entra nulla con il post, ma è troppo bella!!!!

Più PPS per tutti.

domenica 21 giugno 2009

Viva la pizza!

Simbolicamente, visto che eravamo in pizzeria, ringrazio questo alimento, che amo, per la splendida serata trascorsa venerdì sera a Testaccio con i blogtrotters.
A due giorni dall'evento è troppo tardi per la cronaca, ma per fortuna puntualmente Yogi e Francorre hanno già documentato tutto nei loro blogs. Mi limito quindi a dire che è stata per me e Stefy una serata piacevolissima e che tutti i presenti sono ancora più simpatici, interessanti e belli di come appaiono in rete! Davvero una gran compagnia.
Ragazzi, questa blogtrotterstribù è una fonte ricca che non dobbiamo far inaridire! Abbiamo una responsabilità...

Oggi inizia l'estate, ma qualcuno deve essersene dimenticato... Comunque, tra un diluvio ed una tromba d'aria, sono riuscito a sgambettare: ieri 40Km di bici + 5 km di corsa in progressione (ultimo Km soddisfacente in 3:36), oggi nuoto.
Certo che, dopo aver chiacchierato con Ugo venerdì, la voglia di abbandonare il Katzenpensiero e provare a capire veramente quanto valgo realmente su un 10.000m è forte... Chissà. PPS

Per er Califfo e tutti gli Anonimi del mondo: i vostri commenti sono il benvenuto!!

Finora avevo limitato per errore la possibilità di commentare i post ai soli conosciuti. Scusatemi!

lunedì 15 giugno 2009

Storia dello Sport

Questi sono giorni di Grande Sport.
Molti sportivisifaperdiresolocalcioebasta, troppo impegnati a discutere se Cristiano Ronaldo valga davvero 93 milioni di euro (li vale se continuate a parlarne e soprattutto a comprare i giornali che parlano di lui e Paris Hilton...), non se ne saranno nemmeno accorti, ma nelle ultime due domeniche due straordinari atleti hanno scritto pagine storiche nei loro rispettivi sport:
  • nel tennis ROGER FEDERER ha conquistato il Roland Garros 2009, raggiungendo Pete Sampras in cima alla classifica dei vincitori di titoli del grande slam a quota 14.
  • nel basket KOBE BRYANT ha vinto il suo quarto anello NBA giocando in modo stratosferico nelle finali play off. MVP.

ROGER AND KOBE CONGRATULATIONS!!

Fra qualche anno potrò dire alla mia Piccola Stella: io c'ero, nonostante la RAI e Mediaset, qualche volta li ho anche visti giocare!

Io, intanto, ho ridotto le dosi, ma continuo a drogarmi: ieri 8 Km allegri di corsa a 4:00 a Km, oggi probabilmente nuoto, domani mi piacerebbe riuscire a spingere qualche mille, vedremo. PPS.

venerdì 12 giugno 2009

Intercettazioni telefoniche

...saranno autorizzate quando vi sono evidenti indizi di colpevolezza!?!?
Beh, è come dire che nel calcio:
un rigore può essere assegnato solo alla squadra in vantaggio al termine della partita.
Io lo trovo assurdo, voi che dite?

sabato 30 maggio 2009

La bici fa bene...

... come potete ben vedere!
Trovo solo ora il tempo di dedicare qualche minuto a questo mio spazio virtuale dopo troppi giorni troppo impegnati ed allora, per farmi perdonare anche e soprattutto dai blogtrotters romani per la mia assenza alla pizzata di ieri sera, eccovi una perla di saggezza opportunamente documentata fotograficamente:
pedalate gente, pedalate!!!
Insomma, inizia da stanotte un bel weekendone in cui proverò a dimenticare la password del mio PC ed a far girare le gambe dalle parti di Sperlonga.
Sabato e domenica scorsa avevo fatto un po' di scorta di sport per la settimana di magra che con tutta probabilità mi attendeva: triathlon sprint ad Anguillara sabato e frazione fresca (12:00-13:00) nella 24X1ora in pista a Caracalla domenica. Poi il buio... domani torna la luce pedalando!

lunedì 18 maggio 2009

Sono solo un podista...

...ma diventerò un vero triatleta, prima o poi.
Ieri è stato il solito spasso. So di essere un nuotatore improvvisato, un ciclista impreparato ed un podista Katzen, ma il triathlon è troppo divertente. Provare per credere.
Sabato prossimo è in programma un'altra bella dose di endorfine: gara sprint ad Anguillara.
Ottima occasione per una giornata fuori porta con le mie due stelle.
PPS

venerdì 15 maggio 2009

Fateci un pensierino

Chi:
  • è in zona
  • ama lo sport
  • non ha un alibi serio

da praticante o da spettatore, non perda l'occasione!

Domenica 17 maggio, a 25 anni di distanza e nello stesso luogo, Ostia Lido, in cui si svolse il primo pionieristico Triathlon in Italia, si svolgerà un Triathlon olimpico. Io ci sarò! Non mi sono allenato come un evento simile avrebbe richiesto, ma la vita è fatta di priorità ed in questo momento ho tante cosette da fare... Comunque i miei spazietti più o meno quotidiani li ho ritagliati. Domenica lunghetto combinato (1h bici + 1h corsa), martedì corsetta + riequilibrio muscolare in palestra, mercoledì le gambe giravano benino (40' di riscaldamento in bici + 5*1000 a 3.37 a Km), ieri nuotata in notturna alle 22:00 (sono sempre una medusa, ma miglioro), oggi non so (ma le gambe le farò certamente girare), domani riposo.

Non mancate, comunque vada sarà un successo. PPS

mercoledì 6 maggio 2009

Quante cose ci stiamo perdendo?

In genere sul mio blog non mi piace:
  1. pubblicare post troppo lunghi

  2. riportare testi altrui

Questa volta voglio fare un'eccezione. Eccovi allora una storiella vera che mi ha fatto riflettere. Ogni commento sarà gradito.

Un uomo si mise a sedere in una stazione della metro a Washington DC ed iniziò a suonare il violino; era un freddo mattino di gennaio. Suonò sei pezzi di Bach per circa 45 minuti. Durante questo tempo, poiché era l'ora di punta, era stato calcolato che migliaia di persone sarebbero passate per la stazione, molte delle quali sulla strada per andare al lavoro. Passarono 3 minuti ed un uomo di mezza età notò che c'era un musicista che suonava. Rallentò il passo e si fermò per alcuni secondi e poi si affrettò per non essere in ritardo sulla tabella di marcia. Alcuni minuti dopo, il violinista ricevette il primo dollaro di mancia: una donna tirò il denaro nella cassettina e senza neanche fermarsi conti nuò a camminare. Pochi minuti dopo, qualcuno si appoggiò al muro per ascoltarlo, ma l'uomo guardò l'orologio e ricominciò a camminare. Quello che prestò maggior attenzione fu un bambino di 3 anni. Sua madre lo tirava, ma il ragazzino si fermò a guardare il violinista. Finalmente la madre lo tirò con decisione ed il bambino continuò a camminare girando la testa tutto il tempo. Questo comportamento fu ripetuto da diversi altri bambini. Tutti i genitori, senza eccezione, li forzarono a muoversi. Nei 45 minuti in cui il musicista suonò, solo 6 persone si fermarono e rimasero un momento. Circa 20 gli diedero dei soldi, ma continuarono acamminare normalmente. Raccolse 32 dollari. Quando finì di suonare e tornò il silenzio, nessuno se ne accorse. Nessuno applaudì, ne' ci fu alcunriconoscimento. Nessuno lo sapeva ma il violinista era Joshua Bell, uno dei più grandi musicisti al mondo. Suonò uno dei pezzi più complessi mai scritti, con un violino del valore di 3,5 milioni di dollari. Due giorni prima che suonasse nella metro, Joshua Bell fece il tutto esaurito al teatro di Boston e i posti costavano una media di 100 dollari. Questa è una storia vera. L'esecuzione di Joshua Bell in incognito nella stazione della metro fu organizzata dal quotidiano Washington Post come parte di un esperimento sociale sulla percezione, il gusto e le priorità delle persone. La domanda era: "In un ambiente comune ad un'ora inappropriata: percepiamo la bellezza? Ci fermiamo ad apprezzarla? Riconosciamo il talento in un contesto inaspettato?". Ecco una domanda su cui riflettere: "Se non abbiamo un momento per fermarci ed ascoltare uno dei migliori musicisti al mondo suonare la miglior musica mai scritta, quante altre cose ci stiamo perdendo?".

giovedì 30 aprile 2009

Lo Sdrufolo

...mi sta girando intorno ormai da giorni.

Cerco in tutti i modo di evitarlo, ma è sempre più difficile....

PPS

lunedì 27 aprile 2009

Doppietta, pizza e birra con sorpresa

Partiamo dalla fine (Giancarlo non me ne volere....): Grande Napoli!
Sapete come la penso sul calcio, ma mentre sorseggiavo una bionda, con accanto la Mia Bionda, un'occhiata al maxischermo la davo... Così ho seguito quasi tutto il secondo tempo e gli azzurri mi sono davvero piaciuti. Bella vittoria meritata a degna chiusura di un bel week end sportivo.
Sabato e domenica, infatti, mi sono regalato una doppietta di gare.
Dopo una settimana di troppo lavoro e pochissimo allenamento, infatti, ero in crisi d'astinenza ed un po' di corsa allegra ci voleva.
Sabato ad Ostia un bel 10km piatto piatto, con un sole finalmente scaldaossa. Per me era ancora quasi fresco, ma almeno si comincia a ragionare.
Tempo finale 39:35, un buon allenamento, sensazioni non buonissime, ma... PPS.
Tema della gara la donazione degli organi. Importante: d'ora in poi porterò sempre con me la dichiarazione di volerli donare in caso di... non lo dico per scaramanzia, ma, mi raccomando, fatelo anche voi.
Domenica... sulle orme di Enea. E' il nome azzeccato di una gara per me casalinga, visto che si corre a Pomezia. Quest'anno il percorso era rinnovato e devo dire bellissimo, il meglio che può offrire questa zona: partenza ed arrivo in piazza Indipendenza tra la gente, passaggio nel parco della sughereta, poi giro nel campus universitario e sul finale passaggio sotto casa mia (vuoi mettere!).
10km abbondanti, da un punto di vista tecnico, mooolto duri. Partenza in discesa, poi un salitone nel verde impegnativo, ancora un po' di saliscendi nel campus e sul finire, verso il settimo, un muro (noto ai runners pometini come "la salita di vicerè") breve... ma intenso.
Tempo finale 41:20, un ottimo allenamento, meglio del giorno prima in termini di sensazioni. Per finire giretto con la bici nuova per defaticare.
Insomma domani riprenderò a trottare (anzi, visto l'orario...oggi!), ma le pile sono cariche.

venerdì 17 aprile 2009

E' finita...

... questa durissima settimana.
Ed eccomi allora finalmente in relax, luci soffuse, Pat Metheny in sottofondo e la stanchezza che piano piano un po' si scioglie. 
Come altri blogger questi giorni tristi, oltre al tanto lavoro, hanno inaridito la mia vena creativa e comunicativa. Questo post mi serve allora per rompere il ghiaccio.
In ordine assolutamente sparso qualche pensiero che mi frulla per la mente:
  • Massima solidarietà per Vauro! Vi dico solo una cosa: io odio il Gabibbo, ma sarei contrario perfino ad una sua censura
  • L'emozione di sentirLa muoversi nella pancia della mamma è indescrivibile... 
  • Domani arriva la mia nuova bici da corsa. E' bellissima! Non avrò più scuse, ora mi tocca solo pedalare.
  • Come mi piacerebbe fare un lavoro il cui prodotto fosse materialmente tangibile. Falegnami, vi invido!
  • Mercoledì 5*1000 a 3:39 di media, questa mattina 50 minuti in progressione con l'ultimo mille allegro in 3:42. Le gambe girano abbastanza bene.

lunedì 6 aprile 2009

Fratelli d'Abruzzo io sono con voi

Lacrime, poche parole, solidarietà

E' il momento di piangere, di parlare poco e di aiutare, ciascuno per quello che può.

Che bella domenica!

Oggi è andato tutto bene, la nuova settimana può iniziare, le pile sono cariche!
Il duathlon super sprint di Monterotondo è stato uno spasso. Nella prima giornata di vera primavera, per un metereopatico figlio di Annibale, non poteva essere altrimenti. Le gambe giravano bene. Non ho visto la classifica e non sono ancora in grado di quantificare il valore della mia prestazione (35:15, boh??), ma a giudicare dalla poca distanza (solo una ventina di secondi) dall'amico mostro Emanuele credo di essere andato bene. Comunque, per un amatore come me, ciò che conta sono sempre le sensazioni e quelle sono state molto buone. Correre, pedalare e nuotare per vivere meglio.
Al termine della gara anche una sorpresa... mi reco al ristoro e chi ti trovo? Uscuru! Simpatico da vivo come sui blog. Complimenti a lui ed alla sua società per l'ottima organizzazione: gestire una gara di duathlon è certamente un'impresa non semplice.
Beh, il resto della giornata non ve lo racconto, ma è stato figo, prima in spiaggia e poi per le strade del centro di una Roma incantevole fino al tramonto, in compagnia delle mie stelle. La vita è bella.

sabato 4 aprile 2009

I love this game!


Non ve l'avevo ancora raccontato, ma sono anche un appassionato di Basket NBA (che avevate capito? Lo so, lo so... la gnocca tira sempre... vero giancà?)
Se lo sport mi tocca solo guardarlo, da spettatore mi deve divertire ed una partita di basket NBA, in questo, è il massimo. C'è tutto: gesti atletici straordinari, tecnica e tattica di gioco, equilibrio nel risultato fino all'ultimo secondo... c'è pure la gnocca! Insomma, amici solocalcioebasta, provate a guardare anche qualcos'altro e scoprirete che c'è davvero da divertirsi, altro che 0-0!
Mi sono simpatici gli Hornets di New Orleans (non parlo di tifo, quì ha poco senso, vinca il migliore!). Ieri hanno perso 111-103 contro i Golden State Warriors di un ottimo Jamal Crawford (39 punti, 11/21 al tiro e 13/14 dalla lunetta), nonostante i 43 punti del piccolo grande Chris Paul (quando giochicchio anch'io, mi ispiro a lui) ed i 31 di David West. Bella partita, come tutte le altre d'altronde.

Domani, invece, lo sport vado a praticarlo. Ero indeciso tra la bellissima AppiaRun ed il duathlon supersprint di Monterotondo. Se avessi il dono dell'ubiquità le correrei entrambe rimanendo anche a letto accanto alle mie stelle, ma devo scegliere... Paolo, monta il portabici, andiamo insieme! Tre ore e siamo di nuovo a casa.

mercoledì 25 marzo 2009

Singin' in the rain

Il mio allenamento oggi è durato 31 minuti e 47 secondi, di cui 31 e 45 sotto la pioggia.
Giusto il tempo di completare un breve riscaldamento ed esattamente allo start della prima ripetuta ha cominiciato a piovere. Giove Pluvio ha aspettato pazientemente le 21:15 per affacciarsi a Pomezia ed anche Eolo è stato puntuale, visto che sul primo tratto del mio percorso spirava pure un bel vento fresco fresco!
Entrambi si sono diligentemente ritirati esattamente 2 secondi prima della fine dell'ultima ripetuta, quando ormai completamente zuppo mi ero abituato alla loro compagnia.
L'ho presa con filosofia e mi è venuto in mente Fred Astaire: lui ballava sotto la pioggia io correvo.
Alla fine ho messo in cascina un 6*1000 a 3:38 di media con 2 minuti di recupero attivo e bagnato. Va bene così.

Intanto la pancia cresce, Lei si muove ed il mondo mi sembra più bello. Di questi tempi è incredibile per un marxista come me.

lunedì 23 marzo 2009

Un volo da gabbiano

Anche quest'anno ho vissuto la maratona di Roma da gabbiano. 
Nel gergo nei runner, per chi non lo sapesse, significa da accompagnatore di qualcuno che corre la gara. Ho affiancato l'amico Giuliano al trentesimo km e l'ho scortato fin sotto il Colosseo. Per lui un nuovo PB, per me una passeggiata stupenda.
Della gara vi diranno giustamente altri, i veri protagonisti, i Maratoneti. 
La gioia, la delusione, la fatica, la felicità, la rabbia, le lacrime ve le racconteranno i tanti bloggers che l'hanno corsa.
Io voglio solo dirvi che Roma, in una domenica di marzo, illuminata dal sole, è troppo bella.
Ieri me la sono goduta facendo qualcosa che mi fa sentire libero come un gabbiano, correndo. 
Non me ne vogliano gli abitanti del resto del mondo, ma..... Roma Caput Mundi.

giovedì 19 marzo 2009

Più preservativi per tutti!

"Ciascuno svolge la sua missione ed è coerente con il suo ruolo"
...lo ha detto qualcuno con cui normalmente sono in totale disaccordo, ma questa volta no (lui parla tanto e la legge dei grandi numeri ha reso possibile l'evento).
La questione allora è:
se nello svolgere la propria missione e nell'essere coerenti con il proprio ruolo si difendono posizioni che minacciano, in modo scientificamente provato, la vita di milioni di persone quali sono la missione ed il ruolo?

mercoledì 18 marzo 2009

Il mio doping

Ieri alle 19.35 ho commentato un interessante post sul blog di Gian Carlo RunneBlade 
Circa tre ore dopo, alle 22:30, mi sono drogato
Purtroppo quando arriva la crisi da astinenza non c'è orario o clima che possa fermarmi. 
Ho indossato la mia tenuta notturna da guforunner e mi sono sparato 1Km di riscaldamento + 8Km di CM a 4.10 + 1500m a 3.30  nelle deserte strade di Pomezia. Le endorfine sono entrate rapidamente in circolo e lo sballo è stato totale. 

Forse il mio problema, rispetto ad altri, è che confondo il fine con il mezzo: 
altri usano il doping (mezzo) per migliorare nella corsa (fine) 
io uso la corsa (mezzo) per migliorare la mia vita (fine)
Semplicemente gli altri non li capisco.... Voi che ne dite?

domenica 15 marzo 2009

Sulla buona strada

Tra i tanti bei ricordi che mi ha regalato la mia variopinta passione per lo Sport, c'è n'è uno che ho rinfrescato ieri: il 10 marzo 2007 mi trovavo in Galles, in piacevolissima compagnia, ospite di un amico, per correre, il giorno successivo, una mezza maratona a Llanelli.
Quel giorno era destinato a rimanere nella storia del rugby italiano. La nostra nazionale, nel prestigioso torneo Sei Nazioni, sarebbe riuscita a battere 23-20, all'ultimo secondo di una partita quasi perfetta, i Red Dragons.
Quella partita l'ho vista a Cardiff, in un pub situato a pochi metri dal mitico Millenium Stadium, bevendo birra con i miei tre amici, circondato da centinaia di gallesi, uomini, donne, bambini tutti, assolutamente tutti vestiti con la maglia della loro nazionale. Alla fine della partita, sotto gli occhi preoccupati dei miei compagni, ricordo che lanciai un urlo di gioia per la vittoria, incurante del pericolo di urtare la sensibilità dei nostri ospiti... Ma il rugby è vero Sport e chi lo ama davvero è un vero sportivo, così, un omone di almeni cento chili, che aveva trangugiato sotto i nostri occhi 7 (dico sette!!) boccali di birra si avvicinò a noi per... porgerci la mano e farci i complimenti!! Onore ai vincitori. Indimenticabile.

Ieri l'Italia del rugby, come allora, ha incontrato nel tornei Sei Nazioni il Galles, ma stavolta... ha perso. 
Beh... non è sempre domenica. Per loro il rugby è Lo Sport, lo giocano nelle scuole, per strada, anche il paesino più piccolo dispone di almeno un campo curatissimo, meritano di essere più forti dell'Italia.
La nazionale, però, ha giocato una buona partita e, rispetto alle ultime prestazioni è apparsa in miglioramento. E' sulla buona strada e ... sulla buona strada sono anch'io. 
La gara di questa mattina a Ladispoli, ben organizzata, con un bel percorso ed in parte baciata dal sole, mi ha abbastanza soddisfatto: 10Km in 38:27 senza strafare, con un buon finale. 
La primavera sta per entrare nel vivo...

lunedì 9 marzo 2009

Saltare la sfiga

Prendo spunto dalla grande impresa di Fabrizio Donato agli Europei Indoor di atletica leggera (medaglia d'oro e record italiano nel salto triplo con 17,59 metri) per urlare ancora una volta: 
non bisogna arrendersi mai!
Nello sport come nella vita.
Anche la sfiga può essere saltata! Bisogna sempre pensare positivo, credere nei propri mezzi e provare a dare il massimo proprio come ha saputo fare quest'uomo, straordinariamente dotato dalla natura, anche quando sembrava che la sua carriera fosse ormai in declino. Complimenti Fabrizio!
Anche noi piccoli sportivi della domenica, con i nostri molto più limitati mezzi fisici, possiamo compiere le nostre imprese. Ciascuno ha la sua: terminare una gara, vincere un premio di categoria, superare un rivale, migliorare un PB o semplicemente riuscire a trovare il tempo per allenarsi! Ognuno ha la sua asticella da superare e può farcela.

Per me stasera corsa (10KmCP). 
La settimana post quasi compiuta è stata moooolto tranquilla (lun. riposo, mar. 7KmCL + palestra, mer. riposo, gio. 5*1000RG, ven. riposo, sab. 15KmCP, dom. 50Km in bici) ed è il momento di ricominciare a spingere.
Domenica prossima c'è una bella garetta a Ladispoli (10km), che suggerisco ai bloggers/lettori laziali. Io ci sarò! P.P.S.

sabato 7 marzo 2009

Oggi alle 14:00...

... ero in Namibia. Qualcuno a quell'ora potrebbe avermi visto correre nella pineta di Castelfusano ad Ostia, ma in realtà lo straordinario potere del movimento e della fantasia mi ha portato molto più lontano, sul sentiero assolato di una savana, tra le dune del deserto, sotto lo sguardo assopito di un leopardo, tra i fenicotteri... ed io correvo.
Ci voleva. La settimana è stata dura, ma alla fine, ancora una volta, la corsa ha ricaricato le mie batterie. E' abbastanza per amarla?

lunedì 2 marzo 2009

quasi compiuta

Domani inizia per me una lunga e dura settimana, è passata la mezzanotte e dopo questo intenso week-end ho bisogno di riposare! Due righe "a tiepido", però, voglio scriverle.
Oggi io e la RomaOstia abbiamo fatto pace. L'incompiuta è ora quasi compiuta. Il quasi lo toglierò quando tutto andrà per il meglio ed il tempo finale mi soddisferà (mai?).
Intanto sono riuscito a correrla e, per come stavo solo tre settimane fa, dopo la mezza di Fiumicino, questo è già un successo. Le sensazioni sono state molto buone, gli acciacchi si sono messi da parte ed ora mi sento di nuovo un runner. Partirò da questo 1.26.10 per preparare la Bella stagione. Quest'anno di piccoli regali (sportivi) da mettere accanto a Quello Più Grande che mi aspetta me ne voglio fare diversi... 

giovedì 26 febbraio 2009

...ma ce farà bene?

"Il massaggio connettivale si distingue da quello tradizionale per gli effetti biologici, pratici e terapeutici"... sarà.. io però mi sento come l'uomo nella foto! A Napoli si dice onomatopeicamente scamazzato!
Mi aspettavo di farmi coccolare i muscoli e magari di addormentarmi sotto le carezze di mani sapienti e delicate ed invece ... che dolore! Mezz'ora di sofferenza sopportata solo ripetendomi: "se non ti uccide ti rende più forte!".
Insomma, se domani sarò in grado di camminare è probabile che domenica correrò l'incompiuta.
Martedì le ripetute sono andate bene (11.54-7.48-3.42-3.42), ieri mezz'ora in progressione, oggi riposo (???), domani un'altra mezz'ora tranquilla (se camminerò...), sabato riposo.

Per la madre di tutte battaglie ho fatto davvero tutto quello che potevo!

martedì 24 febbraio 2009

Aspettando la primavera

Io sono metereopatico e questo inverno mi ha davvero rotto le scatole.
Ma quando arriva 'sta primavera? Lo so, il calendario direbbe 21 marzo e quindi mancherebbe ancora quasi un mese, ma io non ne posso più!
Vabbè, sfogo a parte, sono convinto (ed è anche una speranza...) che la fatica che sto facendo a tornare in forma sia legata anche a questo clima. 
L'incompiuta è sempre più vicina ed io non so ancora se correrò. 
Domenica ho corso circa 18 Km in progressione, senza GPS, lasciandomi guidare dall'istinto (qualcuno direbbe seguendo il metodo Katzen...) con solo l'ultimo 1000 controllato a 4.05.
Correre di giorno, con il sole ed il mare di Torvajanica all'orizzonte per me è sempre un piacere immenso, ma le gambe non giravano. Il ginocchio non mi ha dato fastidio e questo già lo considero un grande regalo del destino, ma come tutti i runner sono incontentabile e mi sarebbe piaciuto avere sensazioni migliori.
Ieri solo nuoto. Oggi mi aspetta l'ultimo lavoretto veloce, probabilmente un 3000-2000-1000-1000 alla ricerca del ritmo giusto.  Mah, vedremo... P.P.S.
Intanto mi sono fatto comunque un regalo: giovedì massaggio di scarico. Gara o non gara CARPE DIEM!
Prima o poi la primavera arriverà...