sabato 7 marzo 2009

Oggi alle 14:00...

... ero in Namibia. Qualcuno a quell'ora potrebbe avermi visto correre nella pineta di Castelfusano ad Ostia, ma in realtà lo straordinario potere del movimento e della fantasia mi ha portato molto più lontano, sul sentiero assolato di una savana, tra le dune del deserto, sotto lo sguardo assopito di un leopardo, tra i fenicotteri... ed io correvo.
Ci voleva. La settimana è stata dura, ma alla fine, ancora una volta, la corsa ha ricaricato le mie batterie. E' abbastanza per amarla?

6 commenti:

  1. Bella fotografia e gran bella fantasia! la corsa bisogna amarla...sempre! anche quando sembra crudele con noi!!!

    RispondiElimina
  2. tutto merito della corsa o hai cambiato pusher? :) scherzi a parte, la natura di ostia si presta molto bene al volo pindarico.... ieri correvo sul lungomare verso il tramonto, era inebriante....

    RispondiElimina
  3. Fabietto, ti avevo detto di non esagerare con quel vinello bianco insieme al fritto di pesce...poi ti addormenti al sole sul lungomare e nel sonno deliri...

    RispondiElimina
  4. ragazzi, in effetti quell'ultimo bicchiere potevo risparmiarmelo... ;)

    RispondiElimina
  5. Si...è abbastanza per amarla, chi non corre non può capire...

    RispondiElimina
  6. Ma quando hai scoperto il teletrasporto ?
    Ma sei sicuro che fosse vino ?
    Il prossimo fine settimana programma la Polinesia.
    Ma il fritto come era?

    RispondiElimina