Il piacere di vivere


Yannick Noah è stato il mio mito giovanile.
Il mio rapporto con lo sport e forse, per certi aspetti, con la vita, sarebbe stato diverso senza di lui.
Yannick mi ha regalato stimoli ed emozioni.
Semplicemente e meravigliosamente emozioni.
Per chi non lo conoscesse (in fondo chi non seguiva il tennis negli anni '80 è giustificato) questa intervista può essere illuminante.
A me, invece, queste parole suonano familiari e mi fanno scoprire che il tempo è passato, ma la mia sintonia con Yannick è magicamente rimasta invariata negli anni.
E siccome mi piace tracciare con un sottile filo rosso il collegamento tra i miei post, vi dico che nelle parole di Yannick c'è anche la seconda puntata dei consigli per la rinascita dell'atletica italiana.

"(servono, n.d.r.) mezzi, strutture, organizzazione e ottimi coach, ma il campione nasce da un ragazzo che si sveglia ogni mattina con un sogno"

Meditate gente, meditate...

Commenti

Post popolari in questo blog

Tanta roba

Chi si ricorda di Pavoni?

La quiete prima della tempesta