martedì 17 marzo 2015

Buona la prima

Ieri sono stato fortunato.
Certo, si dice che la fortuna aiuti gli audaci ed in effetti ieri, anche solo per partecipare al duathlon sprint di Formello, prima tappa della Forhans Cup 2015, occorreva una certa dose di coraggio, forse anche al limite dell'incoscienza per chi (come me) fa sport "per gioco" e non "per lavoro".
Siamo a metà marzo, ma sembra di essere in pieno inverno: pioggia e vento freddo... clima non certo ideale per salire su una bici da corsa e pedalare "a palla" nei saliscendi delle strade di campagna a nord di Roma... Così esco di casa senza dare troppi dettagli alla famiglia sulla gara che vado a fare: "Ci vediamo dopo pranzo. Ciao".
Nella testa ho un mantra "sii prudente".
La location di Formello è stupenda per una gara di duathlon in condizioni primaverili. Davvero un peccato che non ci sia il sole... "vabbè" penso "mi tiro la prima frazione di corsa, poi passeggio in bici e finisco al massimo". Piano semplice.
Tutti dietro la linea di partenza e minuto di silenzio... Ciao Linda.
Si parte.
Siamo abbastanza pochi, un centinaio, non ci sono fenomeni da 3'/km e sono subito tra i primi. Dopo qualche centinaio di metri mi assesto al quarto posto, con i primi tre a distanza di pochi metri. Mi sento bene, sensazione di corsa composta, penso "vai così".
Dopo circa 4,5 km arriva la zona cambio, sono sempre quarto, il terzo ed il secondo sono vicinissimi, solo il primo ha un po' allungato nell'ultimo km di corsa.
T1, via con la bici.
Piove, c'è vento e la strada è sporca e bagnata..."sii prudente".
Dopo un po' di saliscendi inizia un bel discesone..."sii prudente"... freno, contengo la velocità e sono concentratissimo... qualcuno mi sorpassa, era previsto, resisto alla tentazione di seguirne alcuni..."sii prudente" penso "o sono ciclisti veri o sono incoscienti o entrambe le cose", comunque io non appartengo a nessuna delle tre categorie. Arriva un po' di salita e posso spingere... è meno pericoloso che in discesa, ri-sorpasso qualcuno. Giro di boa, si torna indietro. Sono praticamente solo, massima attenzione..."sii prudente". Arriva il discesone, ma ora in salita, senza la paura di cadere, la strada mi sembra più corta. Potenza della mente.
Vedo la zona cambio e penso "il risultato fondamentale è ormai raggiunto, sarò a casa sano e salvo, ora devo solo divertirmi a correre forte".
T2, scarpette e via.
Sto bene, ne acchiappo subito uno, lo supero e ne punto un altro. Lo raggiungo e lo supero. Ne vedo un altro ancora.... qualche centinaio di metri e supero anche lui. Sono solo 2 km abbondanti ed il traguardo è ormai vicino, ne avrei ancora, ma non vedo più avversari. Dopo una curva ne compare uno... lo punto. Spingo, la sagoma davanti si avvicina velocemente, ma anche il traguardo è vicinissimo. Niente da fare... Taglio il traguardo. Avrei avuto bisogno di ancora qualche centinaio di metri di corsa per guadagnare un'altra posizione.
Sono nono assoluto, secondo di categoria M1.
Alla vigilia avrei firmato per un risultato così, ma rimango un ingordo agonista... dopo ogni gara guardo sempre quelli che mi sono arrivati davanti (tanti o pochi che siano) e penso alla gara successiva per lasciarmene qualcuno di loro dietro.
Questa volta comunque mi è andata molto bene, eravamo in pochi ed i migliori non c'erano. So che mi sono spinto in zone di classifica che non mi appartengono nel circuito Forhans Cup, ma nello sport gli assenti hanno sempre torto ed io, invece, c'ero.



11 commenti:

  1. Ottimo esordio stagionale, Fabio! Il buon lavoro fatto nel periodo invernale ha dato i suoi frutti. Ancora bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco, si...il lavoro paga ;-)

      Elimina
  2. e già... non siamo mai contenti... pure io vorrei miss venezuela... :)

    RispondiElimina
  3. ...quella nun ce abbasta mai! :-)

    RispondiElimina
  4. il modo migliore per iniziare la stagione... ad aprile facciamo le scintille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero soprattutto di continuare a stare bene ed a divertirmi... purtroppo il mio nuoto da principiante mi riporterà indietro nel triathlon e non potrò provare a starti in scia sulla bici, ma ci lavorerò...

      Elimina
  5. "Co 'sta pioggia e co'sto vento...", ottima prestazione, e post eccellente! In bocca al lupo per il resto della stagione

    RispondiElimina