martedì 6 gennaio 2015

La befana è passata

A me questa befana mancherà...
L'epifania tutte le feste si porta via.
Sigh!
Oggi ho festeggiato la fine delle vacanze con una buona gara sui 10km, la classica Corri per la Befana nel parco degli acquedotti di Roma. Ho chiuso in 36'09", in linea con le attese. Mi sarebbe piaciuto metterci una quindicina di secondi in meno e scendere di nuovo sotto i 36', ma il percorso aveva qualche insidia ed i postumi di un fastidioso raffreddore non mi facevano respirare benissimo. Comunque ho dato quasi tutto quello che avevo, va bene così.
Da domani comincerò a spingere su nuoto e bici per la stagione di duathlon e triathlon 2015.
Con la corsa cercherò di mantenere un po' qualità, ma con pochi km e quasi zero gare. La sfida sarà perdere il meno possibile. Forse ad inizio primavera proverò a finalizzare di nuovo una 10km al massimo, vedremo...
In fondo mi sento soprattutto un podista e mi piacerebbe esplorare fino in fondo le mie potenzialità nella corsa, ma presto arriverà il tempo e la voglia di indossare un body e quest'anno vorrei partire per l'ultima frazione di corsa con uno svantaggio recuperabile...

13 commenti:

  1. Grande FABIO! Mai corsa una mezza? Ti vedrei bene su quella distanza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho corse diverse come pretesto turistico in giro per l'Italia e l'Europa qualche anno fa, quando inizia a correre con un gruppo sportivo molto goliardico. Ai tempi mi allenavo in modo molto "destrutturato" ed ero più lento anche sul breve. Le chiudevo intorno ad 1h30' senza prepararle.
      Ne ho preparata per bene solo una nel 2010, ultima Roma-Ostia con percorso "sfigato", chiudendola in 1h23'20".
      Oggi credo di valere un tempo migliore, ma è una distanza che ancora non mi piace... subisco ancora il fascino della sfida alla velocità di un 10k o di 5k.

      Elimina
  2. Complimenti! Cosi potresti prepararti per un 70.3 o non rientra nei tuoi piani?

    RispondiElimina
  3. Per ora non rientra nei miei piani...
    In generale penso che sia il triathlon che la corsa non dovrebbero essere necessariamente associati alle lunghe distanze. Secondo me si può essere ottimi podisti non maratoneti ed ottimi triatleti non ironman.
    Forse c'è anche un po' di sindrome da "volpe ed uva" in questa mia idea... nel senso che per allungare le distanze occorre tempo e soprattutto grande integrità fisica ed io ho poco di entrambe le cose...

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con te, anche perchè negli ultimi tempi l'esasperazione per le discipline di endurance sta toccando livelli assurdi. Ma hai una qualità che non tutti riconoscono: il senso di equilibrio nello sport; ti posso assicurare che è merce rara attualmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio,
      ti conosco solo attraverso i blog (visito volentieri il tuo) eppure questo tuo giudizio mi è particolarmente gradito.

      Elimina
  5. c'era anche uno mio alla gara che sta limando 50" al mese, ahah!
    concordo sul discorso lunghe distanze, no al razzismo contro le brevi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto ci ha messo? Voglio calcolare quando arriva al WR scendendo 50" al mese...ahaha
      Scherzi a parte luc, se dovessi decidere di fare un altro vero salto di qualita` nella corsa, mettendo da parte il triathlon, rientrerei nella tua scuderia... ci sto pensando

      Elimina
  6. il tizio sta ancora sopra i 40'... ma non per molto. mo' faremo pb romaostia e maratona, poi chiuderemo i conti con le 10k. lui è MM50 eh... e corre solo da un paio d'anni.
    logico (manco serve dirlo) che più si alza l'asticella è più difficile diventa migliorare.

    RispondiElimina
  7. Comunque il database con i dati storici dei tuoi atleti e` un bel tesoro...tienilo stretto!
    Se poi dovesse servirti una consulenza tecnico/informatica per data warehouse e data mining fammelo sapere....costo poco ;-)

    RispondiElimina
  8. warehouse???
    e che roba è? musica da discoteca?

    RispondiElimina