mercoledì 10 ottobre 2012

Forza RunnerBlade!


Andando in bici si può cadere.
Purtroppo può capitare ed è capitato a me e RunnerBlade sabato scorso.
Era una giornata splendida, ideale per qualunque attività all'aria aperta, ottima per un bel giro in bici accanto al mare.
Io, Gian Carlo e Sandro ci eravamo da poco incontrati ad Ostia e stavano giusto commentando come il clima fosse quanto di meglio potessimo sperare per un bell'allenamento sui pedali.
Improvvisamente.....CRASH!
La magia è finita.
Gian Carlo ha urtato con la ruota anteriore quella posteriore di Sandro, ha perso l'equilibrio ed è volato a terra. Io, che lo seguivo a ruota, sono caduto a mia volta.
Non ero mai caduto in bici intorno ai 30km/h, è davvero brutto, hai la sensazione di poterti frantumare in mille pezzi senza poter fare nulla per evitarlo. Terminato il mio volo sull'asfalto, istintivamente mi sono rialzato. Intanto ero vivo e cosciente. Ho cercato di capire se provavo dolore in qualche punto del corpo
Nulla, non mi ero fatto nulla. Quasi incredibile.
Ho cercato quindi Gian Carlo. Era dietro di me, ancora a terra e molto dolorante al polso ed alla spalla.
In pochi minuti con Sandro ed alcuni ciclisti che si erano fermati ad aiutarci abbiamo organizzato il soccorso.
118, ambulanza, carabinieri, ospedale.
Gian Carlo è stato molto meno fortunato di me: frattura scomposta del polso e clavicola rotta.
Oggi dovrebbero operarlo per ricomporre la frattura.
Runner Blade sta già pensando a come e quando riprendere. Per Klagenfurt c'è tutto il tempo per tornare in forma. Sarà la sua ennesima impresa.

 Forza RunnerBlade!

17 commenti:

  1. Non è bello ma fa parte del gioco. Nel 2012 mi son già fatto male 2 volte, una volando dalla mountain bike (percorso in montagna) ed una correndo a piedi.
    Per fortuna non ti sei fatto niente.
    Tanti auguri a Gian Carlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, fa parte del gioco, ma quando succede un po' ti chiedi se il gioco valga la candela...

      Elimina
  2. devo smetterla con le caricature: mi cadete come le mosche......

    RispondiElimina
  3. Acc.....! Comunque chi fa falla, la bici a volte è così. Pensa alle tante uscite con panorami stupendi, ecc. ecc. Dai! In bocca al lupo! La motivazione Klag funzionerà a meraviglia!

    RispondiElimina
  4. A volte succede quello che non ci si immagina dovrebbe succedere mai...a noi.
    Forza Gian Carlo, siamo tutti a fare il tifo per te!

    RispondiElimina
  5. avendo già provato l'esperienza e capisco benissimo. forza rb!

    RispondiElimina
  6. Mi associo a te nel fare gli auguri a Giancarlo. Purtroppo in bici bisogna stare veramente attenti e lo stesso a volte non basta!

    RispondiElimina
  7. ma non dicevano che fare 3 sport riduceva la possibilità di infortuni???
    io qua in brasile 8 anni fa comprai na bici... in 2 settimane capii che non sarei sopravvissuto a lungo e la rivendetti.
    e poi mi faceva male alle palle...
    il nuoto? se sto in acqua (a 27 gradi!!!) per oltre 3' la sera ho la febbre a 39...
    allora CORRO!
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucià, la bici è pericolosa, quella da corsa de più.
      Io non l'ho scoperto sabato, ma mi è già capitato di fare cose rischiose consapevolmente, ma piacevolmente...
      Il nuoto mi annoiava da morire, ora ho imparato ad apprezzarlo soprattutto se in mare. Fisicamente mi ha sempre rigenerato, anche quando ero solo un corridore.
      La CORSA? Beh, il mio Amore per la corsa è atavico, viscerale ed eterno. Tutti gli sport che ho praticato e pratico gli ritengo corollari della corsa.
      In questi giorni i tendini mi stanno facendo male e non corro da una settimana. Sto solo nuotando e pedalando, ma sono un MEZZO transitorio, il FINE è la corsa.

      Elimina
  8. hai ricominciato troppo garibaldino... lasciali perdere i test-albanesi...
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, dovevo essere un po' più graduale nella ripresa podistica.
      Purtroppo il fatto di avere ancora un discreto motore su una carrozzeria un po' invecchiata paradossalmente è peggio che essere completamente a terra... La tanta voglia di correre poi non aiuta ad essere prudenti. I tendini d'achille mi hanno dato fastidio anche nel periodo sabbatico (tennistico).
      Nuotare e pedalare non mi da fastidio, ma aspetterò a riprendere con la corsa. Hai qualche suggerimento in merito?

      Elimina
    2. per me è mejo che te fermi e rinforzi la CATENA POSTERIORE (femorali, glutei, schiena) con derivati dei sollevamenti olimpici (stacchi, girate, tirate da terra).
      poi quando ricominci a correre, evitare balzi e velocità, correre sul morbido (sterrato, erba), massaggio polpacci con oggetto cilindrico, acqua fredda da ginocchio in giù a ogni doccia.
      luciano er califfo.

      Elimina
    3. Grazie Coach, preciso e puntuale come sempre.
      Seguirò i consigli, quasi tutti...

      Elimina
  9. aspettavo 'sto post, RB già l'ho contattato tramite SUP: è un treno rientrato al deposito per manutenzione, riuscirà luccicante, ne sono sicuro! A te che dire: è andata benone!

    RispondiElimina
  10. 'azz, era meglio se non riaprivo Feedler... :(

    RispondiElimina
  11. ahhhhhhhhhhhhh aaaaaaaaahhhhhhhhhhh aaaaaaaaaahhhhhhhh

    tanto torno

    RispondiElimina